Striscia la Notizia

 

Se avete disservizi da segnalare

UN SORISO AGRATIS

Ultime fadighe

 

Ovvero le mie ultime pubblicazioni 

Storia e immigrazione Italiani in Belgio

LE PAROLE VÈNETE 

VECIE

 

 

 

strafànto agg., s.m. = uomo fuori del comune, vestito in modo eccentrico; cosa inutile; da “stra-” accr. e “fanto”, che sta per fantoccio, bambino; casa piena de strafànti casa piena di cose inutili

 

fantolìn da cùlo = mozzo che veniva imbarcato una volta nelle navi veneziane con l’importantissimo compito di cedere in comodato d’uso gratuito il sedere ai rudi capitani in secca di frittella umana. Come dire “co l’arso ze bona anca la tenpesta” = quando non piove va bene anche la grandine. Anche come offesa direi che è terrificante.

 

barbùsso s.m. (scherz.) = mento; da “barba”; (scherz.) el ga el barbùsso scafà ha il mento sporgente; el ga el barbùsso lustro o onfegà ha il mento unto di grasso

 

càparo s.m. (zool.) = chiocciola; da “capa”; (scherz.) aver el mal del càparo essere impotente; Nota:“el mal del càparo” (o mal de ła limega) è una delle espressioni del Veneto volg. più significative ed argute. Quando si toccano le corna alla chiocciola questa si ritira nel suo guscio. Così si comporta il membro virile quando si accinge all’accoppiamento. Ciò per effetto di malattia di solito di carattere psicologico

 

subiàre v. = fischiare, zufolare; dal lat. pop. “subilare” = fischiare, da “sibilare” = fischiare; sùbiete sta renga! prenditi questo schiaffone!; tasi e sùbia stai zitto e vattene; te połi cantare e subiàre fin che te vołi puoi fare quello che vuoi (tanto a me non interessa nulla)

 

soàsa s.f. cornice; dal fr. “suage” = rialzo, modanatura (dei piatti di metallo); base quadrangolare (di fiaccola); (iron) a te metàremo in soasa! si dice a persona che, a torto, si ritiene importante; (scherz.) mètare in soàsa el marìo o ła mojere mettere le corna al coniuge; questa xe na roba da métare in soàsa questa è una cosa importante, di valore

 

PAR ORDINARE:

oppure scrivi a:

Walter Basso - Via Donizetti, 22 - 30030 Martellago VE

 

LA BARZELETA DE ONCÓ

 

La bòta sui denti

Prima media. La prof de matematica dà i conpiti par casa e siga decisa:

– Queste ze le lession par doman e PRETENDO, ESIGO e VOJO che doman matina sia tute qua sora la me tola. No aceto scuse, malatie, giustificassion, lavativi e pelandroni che no sì altro. Me sò spiegà?

Tuti fa segno de sì co la testa fora chel più furbo che alsa la manina.

– Dime Marieto, cossa ai da dire???

– La me scusa professoressa, ma gnanca na giustificassion par mancansa de energia par più raporti sessuali intensi no la aceta?

In classse s-ciopa el pandemonio de sganassade, sighi e casin vario. La prof speta che tuti se calma e po’:

– Nessuna scusa, caro Marieto… vorà dire che te te adati a scrìvare co la man sinistra ahhhh ahhhh hhhhhhhh!

 

Consili

Bepi incontra Nane.

– Cio Nane ma a ti te piasarìa fare sesso a tre?

– Ostrega e te me lo domandi anca? Serto che sì...

– E alora cori casa subito: se te te sbrighi forse te fè ora!!!

 

 

 

GLI INSULTI VÈNETI E MINACE SENPRE BONI

 

“Prega el to Dio parché se te guanto te roverso cofà un calseto!” = prega il tuo Dio perché se ti agguanto ti rovescio come un calzino. Impresa da “mona” oltretutto difficilissima da realizzare per un essere umano.

 

“Va a fàrtelo métare da un can che spèssega”  Lett. - “Vai a ad amoreggiare passivamente e contro natura con un cane che oltretutto ha anche fretta!

 

sboraùra = mezza sega; vedi persona come l’on. Renato B. Molto famosa nel veneziano la frase “ti sboro mi!” che in italiano perfetto significa” ti eiaculo io!”. Ormai desueta la frase “Ma va là, sborà d’un can” “Ma va fanculo eiaculato da un cane!”, usata da mia nonna molti anni fa quando appunto intendeva mandarmi a fanculo.

 

“Te magno el figà!” = ti mangio il fegato; attenzione: se detto ad una donna togliendo l’accento sulla "a" diventa una proposta oscena!

 

"Cagabàle" = artigiano produttore di fandonie; le categorie che contengono i migliori “cagabale” sono queste: politici, preti, cacciatori, pescatori e le mogli in genere.

 

“Can dal’ostia!” = cane dalla particola! Si solito si riferisce a persona o anche a cane inetto e macaco, come quello di un mio amico che si è mangiato un paio di mutande della moglie e per poco crepava!

 

caranpàna = vecchia brutta e sformata, ruffiana; “L’atrice Sandra M. ze na veciassa caranpana anche se i tajacristiani ghe ga tirà tute le pelegate” = l’attrice Sandra M. è una vecchiaccia orribile e terrificante anche se i chirurghi gli hanno stirato tutta la pelle raggrinzita.

ARTERIO & SCLEROSI

- Go speso un mucio de schei ma desso gò un parechio acustico che ghe sento da dio...

- Ahsì, gò caro... e che marca zeo?

- Ahhh... Mah... sarà le oto e mesa!!!