“FINO ALL’ULTIMO RESPIRO”

La Fame d’aria e altre storie dei minatori italiani in Belgio

Formato 16,5 x 23,5 cm

pag. 288 - € 23,00

2ª edizione

 

Circa 300 pagine per un libro che non è un romanzo ma che a oltre dopo una parte di storia, da la parola ai familiari di tanti minatori italiani in Belgio morti di silicosi, il loro calvario, e l’assenza di riconoscenza da parte delle istituzioni. Per non dimenticare.

“MONA SE NASSE

e tanti, massa, lo nacquero”

Formato 12 x 17 cm

96 pagine - 10,00 €

 

128 pagine de pensieri, cativerie, maleducassion par comentare tante vacade che nasse ogni dì nel Bel Paese. Naturalmente in veneto e tuto da ridare!

“EL SBAUCOMETRO”

Prontuario veneto

Formato 12 x 17 cm

144 pagine - 10,00 €

Lingua Veneto italiano

 

144 pagine de sugerimenti, pensieri, proverbi novissimi, zughi de parole, notissie, aforismi inventai da mi par svejare fora el popolo. Consilià ai carbonieri, ai statali e ai impiegati dele poste che ze senpre in letargo.

“PROVERBIARIO ONTO O HARD”

Formato 12 x 17 cm

208 pagine - 10,00 €

Lingue: veneto - italiano

 

Nessun autore ha mai avuto il coraggio di pubblicare una raccolta di proverbi molto pepati. Basso è il primo e ne ha raccolto oltre 300, spiegandoli con dovizia di particolari strappando così il sorriso. Quando si parla di salvare la lingua veneta si deve avere il coraggio di farlo anche con quella parte di essa più ruspante e sincera.

“DISSIONARIO DELE PAROLE MORTE”

Formato 12 x 17 cm

256 pagine - 10,00 €

Lingue: italiano veneto - veneto italiano

 

Oltre 2000 parole di varie provincie venete ormai desuete o che si usano pochissimo e che è importante non perdere. Basso le ha raccolte dapprima nella parte italiano–veneto e poi nella parte veneto–italiano arricchendole con etimologia, aneddoti, note e in alcuni casi dati storici. Un manualetto particolarmente prezioso da unire al Proverbiario e Insultario, per la Salvaguardia dela Lengua da Ostaria!

PAR ORDINARE:

oppure scrivi a:

Walter Basso - Via Donizetti, 22 - 30030 Martellago VE

RECENSIONI E INTERVISTE

UN SORISO AGRATIS

ARTERIO & SCLEROSI

- Doman matina gò da svejarme presto… bisogna che fassa un gropo sul fassoleto!!!

- Ostia, ma no te ghè miga ma sveja???

- La gò ma no so bon de ingroparla!

 

LA BARZELETA DE ONCÓ

 

Bravura

El paron de un negossio de abigliamento parla co un comesso che ze in prova:

- Caro toso - el dise - mi, na volta co gero inbriago, gò cronpà do vestiti da omo che, in tre ani, nissun qua ze mai riussìo a véndare. No se sa parché, ehmmmm. Uno ze zalo co righe rosse e nere par longo e st’altro ze viola co farfalete colorate semenae de qua e de là. Eco, se ti te riessi a vèndarli mi te assumo subito e par senpre!

Passa un pochi de dì e sto paron de botega, no se inacorze miga che i do oribili vestiti no ghe ze più?

El core dal comesso che tranquilamente ghe fà:

- Sissignor, li gò pena vendui tuti e do a un siorato!

- Te gavarà tocà farghe un gran sconto par convìnsarlo

- Ma scherzelo? Li gò vendui a presso pien, altro che sconto!

- Ma... Ma… sarà stà difìssile miga poco imatonirlo!

- Machè. L’unico problema ze stà el can lupo da guida. Gò avuo paura chel me morsegasse

 

LE PAROLE (QUASI) MORTE

 

 

aredódese s.f. (arc.) donna brutta e deforme; si ritiene che tale nome, oggi poco usato, sia la trasformazione di “Erodiade”, nome dato nel Medioevo alla figlia di Erodiade (Salomè), la quale compariva assieme a streghe “a le dódese” di notte

 

forbìre, furbìre v. pulire; dal franco “forbjan” = pulire le armi, corrispondente al lat. medioe. “furbire”; (volg.) furbirse el culo co la camisa de i altri difendersi accusando altre persone

 

sàmare v. = sciamare; girare a vuoto; da “sàme”= sciame; dal lat. “examen, -inis” = sciame, comp. da”ex-” e la radice di “ago” = condurre; significa quindi “ciò che si conduce fuori”; el sàma tuto el dì gironzola tutto il giorno

 

sboraùra s.f. = (volg.) gracile; uomo di poco valore; da “sborare” corrispondente all’it. ant. “borrare” = uscire con impeto, sgorgare, al padov. ant. “sborare (i drapi)” = sciorinare; “sborare (la bote)” = far uscire il contenuto della botte. Il trentino ha “sborar” = sfiatare, sgorgare, il siciliano ha “sburrari” = sfogare, strapiovere; il Boerio fa derivare questa voce dal gr. “sporà” o “sporos” = seme

 

sgarugiàre, sgarujàre v. = frugare; rovistare; togliere il gheriglio alle noci; deriva da “garùgio” = gheriglio; dal tar. lat. “carilium” = stesso sign., dal gr. “karyon” = mandorla, noce; el se sgarùja el naso si pulisce il naso con le dita

 

slimegàre v. = mangiare lentamente; versare goccia a goccia; da “limèga”, per la sua proverbiale lentezza, con pref. “s-”; ; dal lat. “limax, limacis” = lumaca, chiocciola; collegato con “limus, -i” = fango, perché preferisce i luoghi umidi

 

GLI INSULTI VÈNETI E MINACE SENPRE BONI

 

“Te sì cofà el luamaro che se fà meraveja dela corte!” = Lett. – “Sei come il letamaio che si scandalizza per la sporcizia del cortile.” Vuol dire che un sozzone si stupisce di uno appena appena sporco. Una simpatica variante marittima invece dice:”Te sì come la sepa che se fà meraveja del folpo!” = sei come la seppia che si stupisce della sporcizia del polpo.

 

“Maledeto ti e chi te ga messo le braghe stamatina!” Lett. - “Che siate maledetti tu e chi stamattina ti ha aiutato a vestirti in quanto sei totalmente incapace di ogni azione anche la più banale”. Sinossi - “Vai fuori dalla balle”; Variante: “Maledeto ti e chi te ga cunà” = maledetto tu e chi ti ha cullato, in quanto “to mama doveva sofegarte in cuna co na canevassa (o co un biberon de varechina pura)” = tua madre doveva soffocarti nella culla con uno strofinaccio oppure avvelenarti con un biberon di varechina pura. Comunque… “Visto che te ghe sì, ormai rèstaghe, ma che Dio perda el stanpo de zente come ti!”

 

“Che te vegnesse fora do maroidi da chilo!” = che ti venissero due emorroidi da un chilo l’una! augurio vergognoso e veramente cattivo in quanto le emorroidi nel culo fanno un male bestia.

 

“Mi sò che ti te ghè trenta ani, parchè gò un amico mèzo mona che ghe ne ga quìndese!” Lett. - “Io so che tu hai esattamente trent’anni in quanto ho un amico mezzo cretino e notevolmente fesso che ne ha quindici!”